Artflux - Arte Contemporanea

Artisti »
Maria Micozzi

Biografia

Biografia artistica Giuseppe Vannucci Maria Micozzi nasce a Tolentino nelle Marche. Compie studi sia di formazione classica che scientifica con molteplici interessi culturali dall’antropologia alla psicoanalisi e in ambito filosofico all’epistemologia nella concezione “relazionale” di Gregory Bateson. Si dedica totalmente all’attività artistica dal 1985 fondendo una qualità pittorica esemplare sulla grande tradizione del rinascimento da Leonardo a Michelangelo con la sperimentazione di inedite soluzioni tecnico-formali ( ideazione di nuovi supporti come i quadri-oggetto, opere bifacciali, assemblaggi di più tele e cornici, con utilizzo di materiali poveri come fili di ferro e spago), affine allo spirito delle avanguardie di indirizzo concettuale. Questa sua ‘eretica’ ed eterodossa configurazione artistica viene notata e seguita con interesse dal critico Pierre Restany, teorico del movimento artistico ‘Noveau Realisme’, che nel 1986 presenta a Milano una mostra di Maria Micozzi . Dal 1987 l’artista marchigiana inizia un’intensa attività espositiva con mostre a Monaco, Stoccarda , Bayreut in Germania dove la sua ricerca ottiene numerosi consensi sia di critica che di pubblico. Partecipa alla rassegna di Arte Fantastica curata dal prof. Renzo Margonari a Palazzo Roncale a Rovigo (1987) , nello stesso anno è presente all’Expò di New York. Nel 1988 è invitata in Spagna ad una rassegna di artisti internazionali per iniziativa del Ministero della Cultura di Madrid. Nella sua opera orientata ad una visione sistemica del mondo, la dimensione fantastica scaturisce dalla complessità labirintica delle infinite relazioni possibili, geometrico-matematche , mestiche o simboliche tra gli elementi di un tutto che, nella visione organicistica di Maria Micozzi, si traduce nel mito femminino della grande madre cosmica attraverso la forza sinuosa ed erotica dei suoi acefali corpi femminili. In questo suo anelito alla ricomposizione formale della totalità attraverso la compresenza e la ‘ricucitura’ nelle sue opere di frammenti di linguaggi plurimi vengono meno le rigide e schematiche contrapposizioni tra figurazione e astrazione, tra razionale e non razionale, tra mente e corpo delineando così nuove possibili connessioni e relazioni tra contesti e realtà irrelate. Negli anni novanta sono da menzionare le mostre a Francoforte, a Miami in U.S.A. e a New York presso l’Istituto Italiano di Cultura, nonchè le personali itineranti a tema come “La seduzione- ossessione e paura nei trattati degli Inquisitori”, “La disperatissima sete- 8 pièses per Giacomo Leopardi” con il Patrocinio della Regione Marche e i complimenti di Federico Zeri, “Maria Micozzi o il mistero del corpo” per la Fondazione Umberto Mastroianni. Nel 2005 a Bologna presso la Galleria Castiglione Arte presenta “La domanda e l’utopia” ispirata a “Le città invisibili “di Italo Calvino. Si ricordano, poi, le personali “Il cerchio e le secanti” presso la Miniaci Art Gallery nella sede di via Brera a Milano e in quella di Positano, “ Metafore del grano Saraceno- geometrie, luoghi e riti” a Palazzo Besta de’ Gatti a Teglio, “Don’t rape Lilith- il nome e il branco” agli Archivi di Stato a Milano e infine la partecipazione , sia come autrice del manifesto che come relatrice (sul tema dello stupro ’Ammutolire la preda’), al Convegno “Le figure della violenza” organizzato da Oikos-bios Centro filosofico di psicoanalisi, presso l’Università di Padova -Nell’inverno 2010, ancora a Padova, ha allestito la personale “L’ossessione della carne” in contemporanea al convegno, che oltre a vederla relatrice trae il titolo da un suo scritto “ La paura dell’impotenza e lo stupro – metafore per l’indicibile”, convegno organizzato da Oikos-Bios e tenutosi presso la facoltà di Sociologia. Tra le ultime rassegne è da ricordare la mostra internazionale “Lilith – l’aspetto femminile della creazione “ a cura di M.L. Trevisan con la partecipazione a catalogo di Rita Levi Montalcini , tenutasi a Frascati presso le scuderie Altobrandini, nel 2004 ; ultimamente ha partecipato, invitata dal curatore Floriano De Santi, alla Rassegna “Le costellazioni” tenuta a Viareggio, presso la Villa Borbone; è stata presente, per la seconda volta, al ‘Premio Vasto, ad una rassegna internazionale presso Villa Panphili, a Roma, organizzata dalla Galleria ‘Il narciso’ di Roma e alla Galleria Civica di Enna . E’ artista invitata alla Biennale dell’Incisione Città di Campobasso. Come autrice e scenografa ha messo in scena, a Padova, una sua commedia “Le femmine–Lisistrata e le altre”. Ha vinto il primo premio della Biennale d’Arte Murale a Casoli ed è presente alla 55° Biennale di Venezia nell’ambito del Progetto Collaterale Over Play, con l’opera dal titolo “La nuova Lilith- femminicidio: crisi del pensiero unico e rivoluzione della differenza”.